Vasocottura in Microonde

Oggi vi parlo del metodo “Vasocottura al microonde”, tutte le ricette cotte con questo innovativo sistema, studiato e sviluppato da Rosella Errante, sono un concentrato di profumo e sapori, tutto ne viene esaltato anche una semplice zucchina diventa un concentrato di gusto, all’apertura di un vasetto si sprigiona un profumo amplificato.

La storia della Vasocottura ha origini antichissime, e non solo in Italia, poi nel tempo si è evoluta e si è raffinata; dando spunto a molti Chef di realizzare ricette pregiate.

Il maggior esponente della Vasocottura è lo chef Tacchella che, come lo chef Mometti e Montersino, usano sgasare il vasetto, mediante un’apposita macchina del sottovuoto, metodo inaccessibile alla maggior parte delle persone, e delle casalinghe, che cucinano a casa.

Da aggiungere che la Vasocottura è dietetica, pochissimi grassi (la metà della dose abituale) e poco sale; fonti autorevoli si sono espresse in merito, dichiarando che la cottura in vetro, al microonde è tra le più sane e mantiene inalterate le sostanze nutritive degli alimenti.

Inoltre, con la Vasocottura si sporca poco o nulla e consente di anticiparmi delle ricette da tenere pronte in frigo, veri e propri salva cena.

Gli alimenti che NON si consiglia di cuocere con il metodo della vasocottura in microonde sono:  il pane e i lievitati in genere, e le preparazioni con base la pasta sfoglia, la brisé o la frolla, perchè l’azione combinata delle microonde e del vapore, tendono a rovinare gli impasti.

Le cose da NON fare: aprire il vasetto appena sfornato, così come non fareste con una pentola a pressione. Il vapore all’interno uscirebbe subito e potrebbe causare bruciature. 

1 – Ora veniamo alla fase pratica; questi sono i vasi di vetro che possono andare al microonde: i vasi della Bormioli “fido”, oppure i vasetti della Weck più costosi e che io ho reperito online, i vasetti Weck sono riconosciuti dall’azienda come idonei alla cottura nel microonde.

Molti lettori della Rosella Errante usano anche quelli IKEA “Korken” senza problemi e della linea “La parfait“.

I vantaggi dei vasetti Weck sono: i ganci che possono andare in lavastoviglie senza ossidarsi, versatilità nelle forme e non hanno nel corpo del vasetto il gancio montato. Utile, quindi, per le fasi che prevedono di rosolare alcuni ingredienti.

Danno, inoltre, la possibilità, se la ricetta lo prevede, di tirare la guarnizione, far sfiatare e servire subito (utilissimo per le uova, le frittate e i dolci).

NOTA BENE: Nel nostro caso, però, utilizzando i vasetti Weck, dovremo usare 4 ganci anziché 2, vista la pressione che si crea all’interno del vasetto.

Gli svantaggi dei vasetti Weck: bisogna prestare molta attenzione alle guarnizioni, quando si chiude il vasetto. Spesso tendono a spostarsi, anche durante la cottura, questo non favorisce la creazione del sottovuoto.

Quindi bisogna prestare un po’ più di attenzione.

I vasetti da NON usare sono: quelli non indicati o quelli con tappo a vite.

Che misure sono consigliate per la cottura ottimale in vasetto? Weck da 290 o 370 ml (utile per tortini e piccoli dolci) a 500 ml e il litro. Bormioli da 500 ml. Si sconsigliano i vasi da 750 ml o il litro, fino a quando non si prende dimestichezza con i vasi da 500 ml.

Il principio della Vasocottura è la velocità e la certezza che l’alimento sia ben cotto in tempi che variano da 3 minuti a un massimo di 15 minuti.

La Vasocottura, per poterla trasmettere, va conosciuta a fondo e non ci si può permettere di “buttare” lì una ricetta e lasciare in balia di se stessi i lettori che vogliono approcciarsi a questo metodo di cottura.

Vi sono troppe e tante variabili: potenza del microonde, conoscenza delle materie prime e degli utensili da utilizzare.

La Rosella Errante, per poterla trasmettere ed insegnare, ha studiato e provato tanto, di modo da essere certa di ciò che dice e, ancora oggi, deve rivedere alcune certezze.

Le domande più frequenti su la tecnica della vasocottura al microonde sono:

Le parti metalliche dei vasetti fanno scintille nel microonde?  La lega di cui sono fatti i ganci non danneggia il microonde, così come il treppiedi porta-piatto crips che danno in dotazione col microonde, e non subisce alcuna alterazione.

L’unica cosa alla quale si dovrà prestare attenzione è la pulizia dei ganci prima di inserirli nel microonde, quindi che non presentino residui di cibo o condimenti perché quello potrebbe provocare qualche scintilla.

Come fanno a cuocere in 6 minuti? Il cibo all’interno cuoce in sei minuti perché all’interno si crea il sottovuoto e il vapore, e questo velocizza la cottura.

Importante è anche il tempo di riposo dopo la cottura dove l’alimento continuerà a cuocere e fase in cui si creerà il sottovuoto.

Ci sono ricette, tipo le carni rosse (tipo spezzatini e brodi) che richiedono una più lunga cottura, dove il post cottura sarà fondamentale.

Anzi, se si ha la possibilità, la cosa migliore è creare un ambiente caldo, magari con un panno di lana, avvolgendo il vasetto.

Il ragù alla bolognese, il brodo di carne, lo spezzatino, tutte ricette della Rosella Errante, sono arrivati a bollire per più di ore, da sfornati, grazie alle condizioni create.

Questo permetterà un notevole risparmio energetico, se si pensa che per avere un buon ragù bisogna cuocerlo per almeno due ore sul fuoco.

Più grassi e liquidi ci saranno e più la ricetta proseguirà la cottura.

Vi sono alimenti come: le uova e i latticini, che richiedono una cottura a potenza dimezzata.

Le microonde agiscono proprio smuovendo velocemente l’acqua e i grassi, questo potrebbe “stracciare” la materia grassa, dando vita a un risultato antiestetico.

Quanto a lungo si conservano le pietanze? Si è potuto constatare una durata massima di 15 giorni in frigorifero, tenendo conto che, l’alimento, deve cuocere per almeno 6 minuti.

 Diversamente, se andremo a cuocere per soli 4 minuti, ad esempio: i gamberi, i dolci e tutte le ricette a breve cottura, andranno consumate in un tempo più breve.

Come faccio riaprire il barattolo di vetro sottovuoto? Sganciando il gancio del vasetto, una volta raffreddato, e mettendolo nuovamente nel microonde per almeno 3 minuti, il vapore che si creerà all’interno darà la spinta necessaria al tappo aprendo, così, il vaso. I tempi di apertura possono variare a seconda della quantità e della temperatura ambientale del vasetto.

Le guarnizioni resistono al calore? Le guarnizioni dei vasi, in genere, sono o di caucciù o di silicone e, come entrambi possono essere bolliti per la sterilizzazione, così resistono anche al calore.

Come faccio? Ho sentito un fischio, un sibilo… stava per esplodere? Come nella pentola a pressione il “fischio” è la naturale fuoriuscita (attraverso le guarnizioni) del vapore in eccesso.

Come faccio a sapere la potenza impegnata del mio microonde? Guardando la scheda tecnica che in genere è attaccata al forno; nel caso della Rosella Errante, vi ha evidenziato la potenza in uscita, 800 Watt. Qualora abbiate un forno che impiega una potenza maggiore (900 watt) impostate il microonde a 700 watt per la cottura in vaso, viceversa (700 watt) prolungate a 8 minuti il tempo di cottura, anziché 6, delle vostre pietanze. Anche se, grazie al gruppo su Facebook “Il mondo in un vasetto” confrontandosi con lettori che impiegano potenze diverse, si è scoperto così che ogni microonde ha la sua potenza.

Come faccio a testare il mio microonde, i vasetti e i tempi? Semplice, con il TEST DELL’ACQUA. Nel tempo sono riuscita a mettere a punto una soluzione, che permettesse a tutti di cuocere per i minuti da me indicati, nelle ricette. Questo ha permesso di trovare la propria potenza testata, poiché ogni microonde impiega e/o disperde le microonde diversamente.

Dunque, per testare il vostro microonde vi basterà riempire a metà (o poco più), con acqua i vasetti a temperatura ambiente, chiudeteli e agganciate.

Inserite nel microonde e avviate a 700/800 Watt.

L’acqua dovrà iniziare a bollire in 4 minuti, per i vasetti da 500 ml; i vasetti da 750 ml in 6 minuti e i vasetti da litro in 8 minuti. Variate la potenza in caso vada a bollore prima o dopo, diminuendola o aumentandola.

Se c’è una differenza di 30 secondi è ininfluente al fine di portare a cottura la ricetta.

Le ricette, in linea di massima, dovranno bollire effettivamente per 6 minuti i 500 ml, 9 minuti i 750 ml e 12 minuti i vasetti da litro.

NON inserite nel microonde il vasetto vuoto, farebbe sicuramente scintille!

Nel caso il vasetto faccia scintille dove si crea il campo magnetico (cioè tra le due parti appuntite del gancio), basterà sgrassare bene le parti con spazzolino e sgrassatore.

Quanti vasetti posso cuocere insieme? Avendo ogni microonde la sua potenza, c’è chi lo potrà fare (chiaramente aumentando i tempi) e chi non otterrà un buon risultato.

Quindi, per tutti, la Rosella Errante consiglia di cuocere un vasetto alla volta.

Basta sapersi organizzare e, mentre cuoce un vasetto, si assembla l’altro.

Se vi appassiona questa tipologia di Cottura seguite su Facebook il Gruppo Vasocottura Facile  https://www.facebook.com/groups/vasocottura/

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.