Pane alla farina di Avena FIT, Gluten Free

(una ricetta di Susan Martha Chef internazionale di cucina, amorpelacomida.com.br

RICETTA DI PANE DI AVENA FIT SENZA GLUTINE?

Forse non lo sai, ma l’avena è naturalmente priva di glutine. Quando compriamo l’avena al supermercato, ci rendiamo conto che l’imballaggio dice che contiene tracce di glutine, ma ci sono diverse marche che vendono l’avena senza glutine.

L’avena è contaminata dal glutine perché viene lavorata in fabbriche che trattano alimenti con glutine che vengono contaminati anche attraverso l’aria. Se hai problemi con il glutine, compra sempre l’avena in contenitori sigillati in fabbrica e assicurati che sia scritto nella confezione “senza glutine”.

Non si può sempre trovare l’avena senza glutine , ma è comune trovarla nei supermercati (nella sezione prodotti senza glutine) e nei negozi di alimenti naturali.

Se non siete celiaci vi consiglio di acquistare l’avena “contaminata”, che è più conveniente e facile da trovare, ma se si dispone di restrizioni con glutine e non si trova nella tua città si può acquistare on-line, basta cercare su Google per “comprare avena senza glutine che appariranno vari siti Web e marchi.

INGREDIENTI

   2 tazze (gr.240) di farina d’avena senza glutine (basta battere i fiocchi d’avena nel frullatore per trasformarli in farina)
    1 tazza (gr.120) di amido di tapioca o di mais
    1 cucchiaio (gr.15) di lievito secco istantaneo per pane
    1 e 1/2 cucchiaino di sale (gr.12)
    1 cucchiaio di olio d’oliva
    2 cucchiai di miele (per lasciare che questa ricetta vegana sostituisca il miele con melassa, agave o zucchero)
   1 + 1/3 tazze di acqua calda (gr.240 + gr.80) (non può essere troppo calda altrimenti uccide il lievito, potrebbe essere necessario un po ‘più di acqua, ma non superare 1 + 1/2 tazze)

MODALITA’ DI PREPARAZIONE

    In una ciotola mescolare l’avena, l’amido e il lievito biologico. Dopo aver mescolato questi tre ingredienti, aggiungi il sale e mescola di nuovo.
    Aggiungere l’olio d’oliva, il miele e circa 1 tazza (gr.240) di acqua calda e mescolare bene.
   Attendere 10 minuti e aggiungere un altro 1/3 di tazza (gr.80) di acqua tiepida. Se l’impasto è ancora molto denso aggiungere un cucchiaio d’acqua alla volta fino ad ottenere una testura spessa ed elastica, nel dubbio controlla il video (prossimamente sul mio canale youtube).
    Metti l’impasto del pane in una forma di 22 cm di lunghezza, 6 cm di altezza e 8 cm di larghezza, se la tua forma è piu’ grande, raddoppia la ricetta.
    Per livellare l’impasto, schiacciare delicatamente la superficie con le mani bagnate.
    Lascia lievitare il pane in un angolo della cucina, se hai un microonde puoi metterlo all’interno con una tazza di acqua calda.
   Una volta messo il pane a lievitare accendere il forno per preriscaldarlo a 180 ° C. Questo pane cresce molto velocemente (circa 15 minuti), quindi non appena arriva a coprire la forma metterlo a cuocere per circa 40 minuti.
   Dopo che è stato lasciato raffreddare qualche minuto , estrarlo dalla forma e lasciarlo raffreddare completamente su una griglia o piastra rivestita con un tovagliolo di carta. Non tagliare il pane caldo che si sbriciola. 

NOTE

Questo pane cresce molto velocemente, quindi non distogliere lo sguardo da esso.
Il pane si abbassa un pò dopo la cottura, dura dai 3 ai 4 giorni fuori dal frigorifero rimanendo sempre morbido. Puoi tenerlo in frigorifero per circa 7 giorni.

Se non lo consumi nei primi 7 giorni puoi tagliarlo a fettine e congelarlo. Congelato dura fino a 3 mesi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.